Travels Van Viaggi Vita in camper

Vivere e viaggiare in van: la seconda notte da sola

Racconto della riparazione di Shark e della seconda notte da sola in van. 

Lunedì scorso mi sono recata, come da appuntamento, da Centro Vacanze per la riparazione dell’infiltrazione di acqua del portellone posteriore del van. Ti avevo raccontato del problema nello scorso articolo

Corrado ed il suo team hanno scoperto che l’infiltrazione era dovuta all’usura del silicone intorno al terzo stop mettendo il van sotto l’acqua corrente e controllando con una torcia la presenza di eventuali fessure. Hanno quindi smontato il pannello posteriore e impermeabilizzato con Sikaflex (un prodotto apposito per riparare infiltrazioni). Dopo che il prodotto si è asciugato hanno rifatto la prova sotto l’acqua e hanno constatato che era tutto a posto. La riparazione è stata fatta in garanzia. Nel frattempo hanno anche cambiato la bombola del gas che era terminata (bombola da 2.75 kg).  

Shark in officina da Centro Vacanze di Muggia
Shark in officina da Centro Vacanze

Quella sera ho dormito da sola presso il parcheggio dell’Acquario di Muggia. Si tratta di un’area di terrapieno, lungo un tratto di costa, di ventotto mila metri quadri che è stata riqualificata e ne hanno creato uno spazio per bagnanti, raggiungibile dalla ciclabile. Vi è un campo da beach volley, un’area fitness, tre chioschi, aree gioco, uno spazio con sabbia per bambini e uno skate park. Un bellissimo luogo dove trascorre una giornata di mare o qualche giorno di vacanza.

Uno dei due parcheggio dell'Acquario. Shark in lontananza
Uno dei due parcheggio dell’Acquario. Shark in lontananza
Pianta dell'area di costa Acquario di Muggia
Pianta dell’area di costa Acquario

Tutta l’area dell’Acquario è gratuita. I due grandi parcheggi, invece, sono a pagamento dal primo giugno al 30 settembre (per i residenti dalle ore 10.00 alle 20.00, per i non residenti dalle ore 8.00 alle ore 20.00). Le tariffe sono di 0,50 € per la prima mezz’ora e successivi frazionamenti di mezz’ora, 1,00 € quello della tariffa oraria e 5,00 € della tariffa giornaliera. 

Muggia è una stupenda cittadina ricca di storia al confine con la Slovenia. Te ne ho parlato in un articolo dedicato. Il parcheggio dove sostavamo noi ora è inagibile perché pare stiano costruendo un’area sosta camper. Trovi però il comodo campeggio S. Bartolomeo in riva al mare perfetto per qualche giorno di riposo o per trascorrere le vacanze a pochi passi dalla città nella tranquillità della natura. Noi non ci siamo mai stati, ma conosciamo persone che ce ne hanno parlato bene e le recensioni sono buone.

Lungomare Acquario Muggia
Lungomare Acquario
Uno dei due parcheggio Acquario Muggia
Uno dei due parcheggi Acquario

La notte è trascorsa tranquilla. Non ero completamente sola in quanto c’era parcheggiato un camper a pochi metri da me. Il suono del mare ha conciliato subito il mio sonno. Per fortuna non c’era vento e la temperatura notturna è stata gradevole. L’indomani mattina ho fatto una passeggiata sul lungomare ammirando la costa triestina che si vedeva nitidamente data la splendida giornata dal cielo terso. Dopo pranzo sono tornata a casa perché purtroppo era previsto maltempo per il giorno successivo.

Io a passeggio sul lungomare di Muggia
Io a passeggio sul lungomare Muggia
La costa di Trieste sullo sfondo vista dall’Acquario

Non vedevo l’ora che Max tornasse. Il suo arrivo da Roma era previsto per venerdì 15 aprile. Ne sentivo molto la mancanza dato che non ci vedevamo da più di due settimane. Lo so, sono una romantica.

Nel prossimo articolo ti racconterò dell’arrivo di Max e della nostra gita di Pasqua. Seguimi anche su Youtube, Facebook e Instagram. Non mancare! Se l’articolo ti è piaciuto fammelo sapere qui sotto nei commenti o cliccando sulle stelline di valutazione. Se lo ritieni utile condividilo con i tuoi amici. Iscriviti alla newsletter per non perderti le prossime pubblicazioni! Grazie mille, ci leggiamo presto!

Lucy

Potrebbe piacerti...

4 commenti

  1. Milena Paganin dice:

    Brava, bella la descrizione del posto!

    1. Ciao Milena. Grazie mille! Un abbraccio 😘

  2. Franca dice:

    Lucy, so cosa vuol dire dormire soli quando non si è abituati.
    Giusto il mese scorso da una piccola vacanza Slovena, ho dovuto rimboccarmi le maniche prendere la situazione in mano ( come solo noi donne in certi momenti siamo capaci di fare).
    Cioè mio marito si è sentito male a 30 km dall’ospedale di Isola.
    Non potevo andare con lui in ambulanza,non potevo stare in ospedale,x cui 2 notti ho dormito sola in un parcheggio del supermercato dove fortuna siamo riusciti a fermarci….poi un bel segno di croce e sono partita di mattino presto x non trovate traffico, non conoscendo la strada,lho raggiunto al P dell’ospedale dove gentilmente mi hanno fatto sostare fino alla sua dimissione altri 4 giorni.
    Fortuna eravamo scarichi/carichi e da sola ho avuto autonomia.
    Tutto bene quello che finisce bene…..questo x dirti che ti comprendo, noi donne chissà perché abbiamo una marcia in più…..nel senso davanti ai problemi c’è la caviamo sempre.
    Bravissima, io credo tu non abbia nessun problema a viaggiare sola certo la mancanza della metà è ovvia.
    Ciao prossimo articolo

    1. Ciao Franca! Caspita sei stata grande! È vero. Davanti al fatto ci rimbocchiamo le maniche e affrontiamo il problema. Pensiamo di non essere capaci, ma se ci impegniamo ce la facciamo sempre! 😍 Si. Senza Max mi sento sola. Nei prossimi giorni vado ancora al mare da sola 💪💪💪 Grazie mille per essere qui. Un abbraccio! 😘😘

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.