Camper Tour Travels Van Vanlife Viaggi Viaggi in camper Vita in camper

Parenzo: storia, mare e avventure

Parenzo: destinazione dalla storia millenaria, mare e avventure senza fine. Poreč in croato, è una splendida città situata sulla costa occidentale dell’Istria, nella Croazia settentrionale.

Con una storia affascinante che si mescola con la modernità, Parenzo attrae visitatori da tutto il mondo per le sue bellezze naturali, il patrimonio culturale e l’atmosfera accattivante che offre.

Dove parcheggiare il tuo camper?

Sull’applicazione Park4night abbiamo trovato un’area parcheggio con stalli per camper e colonnine dell’elettricità a circa 15 minuti a piedi dal centro cittadino. In alta stagione ha un costo di poco più di €15 al giorno, mentre fuori stagione è gratuito. Sul cartello informativo non son indicate le date dei periodi delle stagioni. Unica pecca: l’area è molto in pendenza.

Penso che presto i cartelli dei parcheggi saranno aggiornati, considerando che la Croazia è ora parte dell’area euro dal 1 gennaio 2023, e i prezzi saranno esposti sia in kune che in euro fino al 31 dicembre 2023.

Ci sarebbe un altro parcheggio consentito ai camper vicinissimo al centro ma ha un costo di €15/h. Valuta se può fare al caso tuo.

Una celebrità del turismo in Croazia

Le coste croate sono un magnetico richiamo per gli amanti delle vacanze estive. Parenzo conta 37 km di litorali che attraggono turisti grazie al fatto che in tutto il paese si trovano hotel, affittacamere, appartamenti, aree di campeggio attrezzate, porticcioli turistici con servizi vari e spiagge con acque cristalline ideali per praticare sport acquatici come il nuoto, il surf, il windsurf e la vela.

La città ha ricevuto vari riconoscimenti nel corso degli anni per la sua offerta turistica, che include eventi culturali, la sua architettura e le bellezze naturali.

Io e Max siamo stati qui a fine dicembre. Per cui la città era addobbata per le feste natalizie.

Il centro storico di Parenzo

Il centro storico di Parenzo è situato in una piccola penisola e il comune include anche l’isola di San Nicolò e altri isolotti come quello di Altese e Regata.

Questa cittadina ha la particolarità di un clima molto mite, senza afa estiva e una temperatura minima invernale di 5°. Inoltre vanta più di 2500 ore di sole l’anno.

La sua storia risale a tempi antichissimi, quando la regione era abitata dai Romani, che la chiamavano Parentium.

In questo periodo divenne un importante centro commerciale e amministrativo. Le sue strade lastricate, il tempio di Marte, le terme e il sistema fognario testimoniano l’ingegnosità urbanistica di quei tempi. Durante il periodo bizantino, subì diverse incursioni barbariche e venne poi conquistata dagli Ostrogoti e dai Longobardi.

Nel VIII secolo, Parenzo passò sotto il controllo dei Franchi, mentre nel X secolo fu inclusa nel Regno d’Italia. Durante il Medioevo, visse sotto l’influenza di Venezia, godendo di prosperità economica grazie al commercio marittimo.

La città passò sotto il dominio dell’Impero Asburgico prima di essere annessa all’Italia nel 1918 dopo la prima guerra mondiale. Durante il periodo italiano, conobbe uno sviluppo urbanistico significativo e l’architettura razionalista prese piede.

Dopo la seconda guerra mondiale, Parenzo divenne parte della Jugoslavia di Tito e nel 1991, con l’indipendenza della Croazia, entrò a far parte di questo nuovo stato.

Oggi, Parenzo è famosa per la sua architettura storica, in particolare la Basilica di Eufrasiana, e per l’affascinante centro storico.

Città vecchia e Piazza Marafor

La città vecchia è un labirinto di stretti vicoli, affascinanti piazze ed edifici storici che invitano a passeggiare e immergersi nell’atmosfera medievale. Racchiude testimonianze storiche delle varie epoche che ha vissuto.

Piazza Marafor conserva nelle vicinanze i preziosi resti dell’epoca romana. Tra essi spiccano i reperti del foro originariamente eretto in questo luogo e dell’imponente Tempio di Nettuno risalente al I secolo.

La Basilica Eufrasiana

La Basilica Eufrasiana è un imprescindibile punto di interesse, non solo per la sua importanza storica, ma anche per la vista panoramica che offre sulla città e sul mare Adriatico.

Rappresenta lo splendore di Parenzo ed è uno dei siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Un luogo di rara bellezza e spiritualità; una delle migliori espressioni dell’arte bizantina conservate in Europa.

La Basilica Eufrasiana fu costruita nel VI secolo, precisamente nel 553, sul sito di un precedente oratorio, per volere del vescovo Eufrasio, che è raffigurato in un mosaico all’interno della chiesa. Per costruirla ci vollero 10 anni.

È ricca di mosaici e affreschi di inestimabile valore, realizzati nel VI secolo da artisti bizantini e locali, che rappresentano scene della Bibbia e della vita di Gesù Cristo.

La basilica segue un preciso orario di apertura e il costo del biglietto d’ingresso si aggira intorno ai €5. Purtroppo, non abbiamo avuto l’opportunità di visitarla poiché quando siamo passati noi era chiusa.

La casa Romanica

La Casa Romanica è situata nel cuore del centro storico della città. Costruita intorno al XIII secolo, questa casa rappresenta uno dei pochi esempi rimasti dell’architettura civile romanica in Istria.

Oggi, la Casa Romanica può essere visitata, ma in questo momento, ovvero inizi 2024, è in fase di ristrutturazione e quindi nascosta dalle impalcature e chiusa al pubblico.

Venne ricostruita nel XX secolo, e in quell’occasione è stato aggiunto un balcone di legno. Dalle notizie acquisite dal web, visto che non mi è stato possibile visitarla, leggo che il piano terra è stato adibito a galleria d’arte, mentre il primo e il secondo piano ospitano una collezione etnografica.

La struttura presenta elementi tipici dell’architettura romanica, come l’uso di pietra locale e il design robusto, ed è caratterizzata da proporzioni simmetriche e da finestre a bifora, che erano comuni nelle case nobiliari di quell’epoca.

Le torri quattrocentesche

Le influenze della dominazione veneziana si riconoscono attraverso la presenza di tre torri costruite nel XV secolo: la Torre Pentagonale, la Torre Rotonda e la Torre di Nord-est.

Torre Rotonda: come suggerisce il nome, è caratterizzata dalla sua forma circolare. La sua costruzione fu richiesta dell’ex podestà Pietro de Mula e risale al 1475.

Dopo un intervento di ristrutturazione, questa torre è stata convertita in una struttura per ospitare un bar, mentre l’osservatorio è stato trasformato in una terrazza panoramica che offre una splendida vista sulla costa e sull’isola di San Nicola.

Questo tipo di torre veniva spesso utilizzato nelle fortificazioni veneziane per la sua capacità di offrire un ampio raggio di visione e difesa. Ha contribuito a preservare la città durante periodi di conflitto e rappresenta un’icona della storia militare.

Torre Pentagonale: nota anche come Torre Pentagonalis, è un’imponente struttura difensiva che si staglia nel paesaggio cittadino. La sua forma pentagonale, che le conferisce il nome, venne fatta costruire nel 1447 dal podestà Nicolò Lion sulle fondamenta di una torre ancora più antica. Oggi in questa torre vi è un ristorante.

Torre di Nord-est: situata appunto nella parte nord-est della città, è un altro esempio di architettura difensiva veneziana. Nel 1473, il podestà Francesco Bondulmier commissionò la costruzione di questo edificio.

La sua facciata esterna presenta aperture progettate per cannoni, e si connette a una sezione delle mura cittadine conservate sul lato meridionale.

Chiesa di Nostra Signora degli Angeli

In Piazza Slobode si affaccia la Chiesa di Nostra Signora degli Angeli, una chiesa barocca. È stata costruita nel 1770 sui resti di una chiesa romanica precedente ed è caratterizzata da una facciata in pietra bianca che in questo momento è leggermente in decadenza, e da un piccolo rosone centrale. L’interno presenta decorazioni barocche, altari, stucchi e dipinti, tra cui: un dipinto di Jacopo Marieschi raffigurante l’Immacolata Concezione e un dipinto di Gaspare Vecchi raffigurante Mosè con un serpente in ottone.

Attività e svago

Le spiagge di Parenzo regalano un’oasi di relax e sono molto gettonate dai turisti. Per la maggior parte sono attrezzate e offrono servizi completi come noleggio di lettini, ombrelloni, e diverse opzioni per gli sport acquatici. Non ci sono spiagge sabbiose ma di ciottoli e scogli.

Gli amanti delle attività all’aria aperta possono godere di escursioni in bicicletta lungo la costa, immersioni subacquee nelle acque cristalline o semplicemente ammirare il tramonto sul mare.

Inoltre è possibile fare escursioni e gite in barca e raggiungere ad esempio l’isola di San Nicola o ammirare le bellezze naturali della costa.

Parenzo costituisce anche un punto di partenza perfetto per esplorare altre rinomate mete turistiche della Croazia come ad esempio Orsera, Rovigno e la città di Pola, in cui sono stata qualche anno fa, che custodisce un’arena di epoca romana davvero bellissima.

La mula de Parenzo

La mula de Parenzo‘ ( la ragazza di Parenzo), è una nota canzone che ha reso questa città famosa nella cultura popolare del Triveneto.

Questo motivo folkloristico, conosciuto per il suo ritmo allegro e il testo vivace, menziona la città di Parenzo, ed è diventato un simbolo della cultura popolare locale, spesso eseguito durante feste e celebrazioni tradizionali nell’area del Triveneto.

Insomma, a Parenzo è difficile annoiarsi! Con le sue attrazioni storiche e le attività coinvolgenti regala un’esperienza indimenticabile a chiunque la visiti.

La città ha saputo proprio affascinarmi con la sua storia antica, le bellissime spiagge rocciose e le opportunità di avventura. Le testimonianze del passato si fondono armoniosamente con la vivacità contemporanea, offrendo ai viaggiatori una prospettiva autentica. Passeggiando per la città si può apprezzare la sua bellezza e la sua capacità di trasportare chi la visita in un viaggio attraverso il tempo.

Pianificare una visita a Parenzo significa immergersi in un mondo di tradizioni e scoperte entusiasmanti, lasciando un’impronta indelebile nei ricordi di chi ha il privilegio di esplorare questa gemma della Croazia.

Lucy

Potrebbe piacerti...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.