Tour Travels Vanlife Viaggi Vita in camper

Siviglia: passione Andalusa

Siviglia: un abbraccio di emozioni tra storia, cultura e passione Andalusa! Una delle più belle ed emozionanti città della penisola iberica che ho visitato.

Capoluogo dell’Andalusia, situata nella parte sud-occidentale, affacciata sul fiume Guadalquivir, è una delle più grandi e famose città del sud della Spagna.

Nota per i suoi monumenti storici, la vivace vita notturna e l’architettura ispanica, emana un fascino unico e ti avvolge in un abbraccio di emozioni con le sue strade piene di storia, la cultura vibrante e il calore della passione andalusa e lascerà un‘impronta indelebile nel tuo cuore.

Con questo articolo, cercherò di condurti in un viaggio indimenticabile attraverso i luoghi più affascinanti di questa città, immergendoci nelle sue tradizioni, scoprendo le sue delizie culinarie e vivendo esperienze che ti lasceranno senza fiato.

Io e Max siamo stati a Siviglia il 10 dicembre 2019 con il nostro vecchio camper mansardato. Come di consueto, quando visitiamo grandi città, preferiamo parcheggiare in aree sosta camper o campeggi.

Dove parcheggiare il camper a Siviglia

A Siviglia abbiamo trovato un’area sosta, in zona periferica, a pagamento in Carretera de servicio de la A-4, km 536 (Enfrente del Carrefour de San Pablo). Un po’ spartana ma videosorvegliata, completa di camper service e colonnine dell’elettricità. Il personale è stato gentile e accogliente. Ovviamente essendo passati diversi anni magari qualcosa è cambiato ma l’applicazione Park4night la segnala ancora e le recensioni sono abbastanza positive. A piedi si raggiunge un centro commerciale con supermercato e vari negozi, e proprio davanti all’ingresso dell’area sosta c’è la fermata del bus n° 28 che porta in centro città in circa 15 minuti.

E così abbiamo abbiamo preso il bus e siamo andati alla scoperta di questa splendida città che ci ha letteralmente rapiti! Ai tempi però non avevo ancora iniziato a scrivere sul blog e riguardando le foto mi sono resa conto di non aver immortalato tanti punti di interesse che abbiamo visto e non sono neanche fatte benissimo. Spero ti accontenterai.

Grazie al loro clima di tipo mediterraneo, Siviglia e i suoi dintorni, sono luoghi ideali per svernare. Le temperature medie si aggirano infatti intorno ai 18 gradi. Difficilmente scendono sotto i 5 gradi. Le estati sono secche e ventilate e risulta essere una delle città più calde d’Europa.

I punti di interesse sono tantissimi. Con una storia ricca di diverse civiltà che l’hanno dominata nel corso dei secoli, Siviglia offre una combinazione unica di tradizioni culturali, architettura mozzafiato e atmosfera vibrante. In generale l’architettura racchiude diversi stili come quello romano, islamico, gotico, rinascimentale e barocco.

Il centro storico è un labirinto di strade strette e tortuose, caratterizzato da una miriade di posti interessanti da esplorare. Le rive del maestoso fiume Guadalquivir che attraversa la città sono animate da bar, ristoranti e negozi, che offrono la possibilità di godersi una passeggiata panoramica o un rilassante giro in barca.

Barrio di Santa Cruz

In centro città trovi il quartiere antico Barrio di Santa Cruz dove ti sembra di entrare in un’opera d’arte. Questo quartiere, con le sue stradine pittoresche, le piazzette incantevoli e gli edifici tradizionali, è considerato il cuore storico della città e uno dei luoghi più affascinanti. Ti permette di immergerti nella storia e nel folklore di Siviglia.

Camminare per le vie di Santa Cruz è un’esperienza unica ed emozionante.

Cattedrale di Siviglia

A nord del Barrio di Santa Cruz sorge la Catedral de Santa María de la Sede de Sevilla. La più grande cattedrale della Spagna con i suoi 126 metri di lunghezza, 83 di larghezza e cinque navate, nonché una delle più grandi chiese gotiche del mondo occidentale. La sua costruzione iniziò nel 1401 su un terreno in cui sorgeva la moschea Aljama e si protrasse per diversi anni. È davvero immensa!

Esternamente è spettacolare con il suo mix di stili gotici e rinascimentali, mentre all’interno è custodita quella che viene considerata la tomba di Cristoforo Colombo. In realtà è solo una supposizione perché non è mai stato possibile attribuire con certezza i resti dell’esploratore italiano a quelli conservati nell’urna.

La torre campanaria si chiama Giralda che con i suoi 104,1 m di altezza era la più alta del mondo quando fu costruita. Nel 1928 fu dichiarata Patrimonio Nazionale e dal 1987 fa parte del Patrimonio dell’umanità UNESCO, come elemento della cattedrale. La sua costruzione avvenne in diverse fasi e da diverse culture.

Quando l’abbiamo vista noi era in fase di restauro.

Reales Alcázares de Sevilla

Una delle attrazioni più visitate è l’Alcazar, un complesso di palazzi circondati da mura. È stato fatto costruire dal califfo almohade Abū Yaʿqūb Yūsuf I nel 913 e nel corso del tempo ha subito diverse modifiche e ampliamenti, ed è stato modellato in stile islamico.

Nel 1248 diventò Palazzo Reale e nel 1987 fu dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO. È il palazzo reale attivo più antico d’Europa, ed è stato spesso utilizzato come alloggio per i membri della famiglia reale spagnola o per i capi di Stato ospiti.

Per vederlo bisogna munirsi di biglietto prenotando una visita guidata, con largo anticipo, che in circa un’ora e mezza ti condurrà attraverso palazzi, stanze e giardini lussureggianti. Online trovi tutte le informazioni riguardanti prezzi e modalità di prenotazione.

Io e Max non l’abbiamo visitata in quanto era una spesa che in quel momento non rientrava nel nostro budget. In quei due mesi passati in Andalusia abbiamo fatto parecchi chilometri per poter visitare più posti possibili.

La Torre del Oro

La Torre dell’Oro (in spagnolo “Torre del Oro”) è uno dei simboli più riconoscibili della città e una delle attrazioni turistiche più visitate.

Fu costruita nel XIII secolo durante il periodo dell’Almohadi, una dinastia musulmana che governava la regione. È situata sulla riva occidentale del fiume Guadalquivir, e in passato aveva la funzione di torre di difesa e di controllo del traffico fluviale. La sua posizione strategica sulla riva del fiume consente di controllare l’accesso al porto di Siviglia.

La torre è alta circa 36 metri e ha una struttura dodecagonale con tre livelli. Le pareti erano rivestite da piastrelle di ceramica smaltata, che conferivano alla struttura un aspetto dorato al tramonto. Ecco il perché del suo nome.

Oggi la Torre del Oro ospita il Museo Navale di Siviglia che espone una vasta collezione di reperti storici legati alla navigazione e all’esplorazione. All’interno del museo, i visitatori possono ammirare antiche carte nautiche, modelli di navi e altri oggetti legati alla storia marittima della città.

Plaza de España

Siviglia è ricca di palazzi storici, chiese, musei, gallerie d’arte e architetture particolari ma secondo me il punto di interesse più bello è Plaza de España.

Avremmo perso cotanta bellezza se Max, mentre andavamo a prendere il pullman per tornare all’area sosta, non avesse deciso di passare attraverso il Parco di María Luisa. Mentre camminavamo lungo una delle strade del parco ci siamo ritrovati davanti questa piazza meravigliosa.

Una delle piazze più iconiche e affascinanti della città, è un’imponente opera architettonica che combina elementi rinascimentali e moreschi, creando un luogo di grande bellezza e suggestione. È aperta al pubblico gratuitamente tutti i giorni dell’anno dalle ore 8 alle 22

Fu progettata per l’Esposizione Ibero-Americana del 1929, e la sua maestosità rappresenta l’abbraccio della Spagna e delle sue antiche colonie. È rivolta verso il fiume Guadalquivir e simboleggia la strada da seguire per l’America.

La piazza si estende su un’ampia area e si sviluppa in una forma semicircolare, con un grande canale centrale che attraversa la sua parte anteriore scavalcato da quattro ponti che rappresentano gli antichi regni di Spagna. Gli edifici sono decorati con ceramica colorata e azulejos e vi sono inoltre una serie di nicchie ognuna delle quali rappresenta una provincia della Spagna. Sono praticamente delle panchine con lo stemma cittadino e una mappa della città.

C’è anche la possibilità di noleggiare delle piccole barchette a remi e navigare il canale che è lungo 515 metri.

Al centro della piazza, si trova una grande fontana, che aggiunge un tocco di freschezza e vitalità al luogo. Un posto che evoca un senso di grandezza e bellezza in cui arte, architettura e natura si fondono in un’armonia straordinaria.

Plaza de España è stata scenario di alcuni film famosi come Lawrence d’Arabia, Star Wars, Il vento e il leone, Il dittatore e Pane, amore e Andalusia.

Sono rimasta stregata e sbalordita. C’era naturalmente tantissima gente e dei ballerini stavano ballando al centro della piazza ammirati dai visitatori. Sotto i portico nella parte centrale invece si esibivano due ballerine di flamenco. Adoro! Io e Max le abbiamo guardate incantati.

Cosa mangiare a Siviglia

La gastronomia di Siviglia è un vero piacere per il palato e offre un’ampia gamma di piatti tradizionali che riflettono la ricchezza culinaria della regione dell’Andalusia. Per assaporare il meglio della cucina locale, concediti un tour gastronomico tra le tradizionali tapas, piccoli bocconcini di prelibatezze come jamón, formaggi, patatas bravas e molto altro ancora.

Uno dei piatti più noti e amati è il gazpacho, una zuppa fredda a base di pomodori maturi, peperoni, cetrioli, aglio, pane e olio d’oliva. Perfetta per affrontare le calde giornate estive ed è un’esplosione di sapori freschi e vibranti.

Accompagna il tutto con un bicchiere di sangria fresca o con lo sherry, un vino pregiato che è spesso servito come aperitivo o accompagnamento a piatti di pesce e tapas. Goditi il connubio di sapori che renderà il tuo viaggio culinario un’esperienza indimenticabile.

Io e Max avevamo visto mesi prima la trasmissione televisiva ‘Little big Italy’ in cui gareggiano dei ristoranti italiani all’estero e una delle puntate era dedicata ad alcuni ristoranti di Siviglia. Così siamo andati a mangiare presso il ristorante vincitore ‘Amici miei’ per provare la carbonara (piatto che fu giudicato superbo). Abbiamo mangiato davvero bene e i titolari sono persone davvero gentili e simpatiche. Ci siamo sentiti a casa!

Lo so, avremmo dovuto mangiare cibi del posto, ma già in altre zone abbiamo assaggiato tapas, tortillas, jamon, sangria e altro ancora.

Siviglia è una città strepitosa, colorata, energica, dinamica e allo stesso tempo tradizionale. Ti cattura davvero l’anima. Guarda il video sul nostro canale Youtube. Troverai altre informazioni utili per una tua eventuale visita.

Iscriviti alla newsletter gratuita per non perdere i prossimi contenuti. Condividi questo articolo sui social se lo ritieni utile. Mi darai una mano a far crescere il blog e continuare a viaggiare. Commenta qui sotto se hai suggerimenti o precisazioni da fare. Grazie!

Ci leggiamo alla prossima destinazione.

Lucy

Potrebbe piacerti...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.